Questo sito utilizza cookie per implementare la tua navigazione e inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per saperne di più clicca leggi

Sei qui: HomeAutori Scienzeonline.comInformaticaSicurezza web nell'era del "Quantum Computing"

Sicurezza web nell'era del "Quantum Computing"

Valutazione attuale:  / 0
ScarsoOttimo 
Alcuni ricercatori dell'Eindhoven University of Technology (Olanda), coordinati dalla professoressa Tanja Lange, sono riusciti a "forzare" il sistema di criptazione McEliece, nato nel 1978 e considerato a tutt'oggi uno dei principali candidati a garantire la sicurezza del traffico web nell'era dei computer quantistici. L'annuncio è stato fatto al PQCrypto 2008 di Cincinnati durante una conferenza sulla criptografia post-quantistica. Usando una rete di 200 computer sparsi fra Olanda, Francia, Irlanda,Taiwan e Stati Uniti, i ricercatori hanno sviluppato un programma in grado di accelerare i tempi di attacco al sistema McEliece, decifrandone gli algoritmi in appena una settimana. E' irlandese il terminale che ha "sferrato" l'attacco  vincente.
L'esperimento, assicurano gli scienziati, non compromette la validità del sistema McEliece, che continua ad essere un efficace strumento di sicurezza perché suscettibile di ulteriore implementazione. Il limite principale di questo cripto-sistema, basato sulla algebraic coding theory, è che la chiave del messaggio criptato è molto lunga (219 bit) e quindi più soggetta ad errori di trasmissione.
Oggi un normale PC impiega circa 3 settimane per forzare il sistema, ma un computer quantistico non avrebbe nessuna difficoltà a decifrare persino una versione più aggiornata.
In attesa che arrivi l'era del quantum computing (secondo le previsioni degli scienziati, ci vorranno non meno di dieci anni), i ricercatori stanno sviluppando sistemi crittografici sempre più sofisticati capaci di resistere agli attacchi dei computer quantistici

Flash News

Il Parco dei Castelli Romani è una delle aree naturali protette del Lazio con maggiore eterogeneità ambientale. L'uomo ne ha forgiato il paesaggio oggi caratterizzato da un articolato mosaico di aree boscate, rilievi collinari con pascoli, vigneti e oliveti, conche lacustri, aree urbanizzate, centri storici e aree archeologiche. In un territorio con queste caratteristiche i micromammiferi possono svolgere il ruolo di indicatori delle variazioni degli habitat naturali. I dati rilevati, messi a confronto con le informazioni raccolte in passato, contribuiscono a ricostruire l'evoluzione dei vari ambienti e saranno di aiuto al momento di prendere delle decisioni gestionali con l'obiettivo della salvaguardia del territorio.

http://www.parchilazio.it/pubblicazioni-287-atlante_i_micromammiferi_del_parco_naturale_regionale_dei_castelli_romani

Cerca nel Sito

Archivio Agenziadistampa 2001-2012

Per Visitare il vecchio archivio Articoli di Agenziadistampa.eu andate alla pagina www.agenziadistampa.eu/index-archivio.html

Scienzeonline.com
Autorizzazione del Tribunale di Roma n 227/2006 del 29/05/2006 Agenzia di Stampa a periodicità quotidiana - Pubblicato a Roma - V. A. De Viti de Marco, 50 - Direttore Responsabile: Guido Donati.

Agenziadistampa.eu - tvnew.eu
Direttore Responsabile Guido Donati
Autorizzazione del Tribunale di Roma n 524/2001 del 4/12/2001 Agenzia di Stampa quotidiana - Pubblicata a Roma - V. A. De Viti de Marco, 50

Free business joomla templates