Questo sito utilizza cookie per implementare la tua navigazione e inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per saperne di più clicca leggi

Sei qui: HomeAutori Scienzeonline.comComunicati StampaPrevenire il randagismo a tutela anche di fauna e allevamenti

Prevenire il randagismo a tutela anche di fauna e allevamenti

Valutazione attuale:  / 0
ScarsoOttimo 
La soluzione del problema del randagismo passa prioritariamente dall’impegno delle istituzioni e dalla responsabilizzazione dei proprietari dei cani per tutelare indirettamente orsi, lupi e tutta la fauna selvatica, domestica  gli allevamenti sull’Appennino. “ A tutela della fauna selvatica e dell’allevamento di montagna è importante applicare politiche di sistema, coordinate tra loro che vanno dalla gestione forestale, alla lotta al randagismo alla tutela degli allevamenti. Solo così il ricco patrimonio di lupi e orsi che popolano i nostri Appennini e sempre più spesso le Alpi potranno essere adeguatamente tutelati. Una attività che deve essere coordinata dai diversi Ministeri e organi competenti per la tutela della nostra fauna e per lo sviluppo di quei piani di azione che hanno bisogno di diventare strumenti realmente operativi ” dice Massimiliano Rocco responsabile specie WWF Italia. Preoccupa la recente segnalazione di un branco di cani randagi che in Abruzzo a Villalago hanno minacciato la sopravvivenza di tre cuccioli di orso difesi con successo dalla madre. Non per questo il WWF ritiene comprensibile l’eccessiva reazione che questo ha suscitato rispetto al cronico problema del randagismo canino, come le dichiarazioni troppo istintive di alcuni amministratori che hanno laconicamente chiuso la questione dichiarando che “ bisogna sparare ai cani” quando le Leggi nazionali e regionali prevedono solo in casi rarissimi e connessi ad urgenti misure di carattere sanitario e di incolumità pubblica gli abbattimenti di cani randagi.E’ da ricordare che da decenni in Italia e anche in Abruzzo è attiva, almeno in teoria, l’anagrafe canina che prevede gli obblighi gratuiti di registrazione ed identificazione per tutti i cani (con microchip apposti dai veterinari ASSL) . Sarebbe interessante sapere a proposito quanti sono i cani di proprietà privata realmente censiti nei paesi del Parco Nazionale d’ Abruzzo Lazio e Molise e nelle arre adiacenti, quanti i controlli fatti , quante veramente le multe erogate dalle diverse forze di polizia  per mancato rispetto di tali norme e di quelle connesse alla incolumità pubblica. Da decenni il problema del randagismo e dei cani padronali lasciati liberi di compiere misfatti di ogni genere senza il benché minimo controllo è a tutti conosciuto, anche agli stessi  amministratori pubblici che avrebbero gli strumenti e le deleghe per ovviare a tutto ciò. E’ ormai dimostrato da anni, da seri e puntuali studi scientifici promossi a livello locale ed in n tutta Italia che per combattere il randagismo è indispensabile non l’abbattimento ma la responsabilizzazione ( tramite l’identificazione) dei proprietari dei cani e prima di tutto di coloro che sono delegati a svolgere i controlli e fare applicare le norme. Inoltre i problemi principali verso la fauna selvatica non sono causati dai cani realmente randagi ma da una enorme quantità di cani che pur essendo di proprietà non vengono controllati e vagano indisturbati 24 ore al giorno aggredendo persone, animali selvatici e domestici e spesso sono  i primi responsabili di attacchi la nostro patrimonio faunistico e zootecnico, danni che poi vengono spesso semplicisticamente addossati a lupi.


Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

Flash News

La conservazione dei dati diventa più veloce ed economica grazie a una rivoluzionaria ricerca sui materiali. Alcuni ricercatori finanziati dall'UE, provenienti da Francia e Regno Unito, hanno creato un materiale che presenta un tratto raro e versatile del magnetismo a temperatura ambiente.

Leggi tutto...

Cerca nel Sito

Archivio Agenziadistampa 2001-2012

Per Visitare il vecchio archivio Articoli di Agenziadistampa.eu andate alla pagina www.agenziadistampa.eu/index-archivio.html

Scienzeonline.com
Autorizzazione del Tribunale di Roma n 227/2006 del 29/05/2006 Agenzia di Stampa a periodicità quotidiana - Pubblicato a Roma - V. A. De Viti de Marco, 50 - Direttore Responsabile: Guido Donati.

Agenziadistampa.eu - tvnew.eu
Direttore Responsabile Guido Donati
Autorizzazione del Tribunale di Roma n 524/2001 del 4/12/2001 Agenzia di Stampa quotidiana - Pubblicata a Roma - V. A. De Viti de Marco, 50

Free business joomla templates