Questo sito utilizza cookie per implementare la tua navigazione e inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per saperne di più clicca leggi

Sei qui: HomeAutori Scienzeonline.comComunicati StampaL’Italia e il Canada esploreranno insieme gli abissi marini

L’Italia e il Canada esploreranno insieme gli abissi marini

Valutazione attuale:  / 0
ScarsoOttimo 
   In preparazione un accordo di collaborazione nelle tecnologie marine. Tecnologie avanzate per osservare ed esplorare i fondali oceanici e di mare aperto: Italia e Canada collaboreranno con i loro istituti di ricerca, università e industrie per approfondire la conoscenza in questo ambiente cruciale del pianeta. È questo il senso della Italian ocean technologies innovation mission to British Columbia che si è recentemente conclusa a Victoria B.C. e a Vancouver, organizzata dall’ambasciata del Canada in Italia e dal Canadian trade commissioner service sotto l’egida del Ministero italiano dell’istruzione, università e ricerca (Miur). La delegazione italiana, costituita da ricercatori, tecnologi e ingegneri provenienti da Cnr-Ismar (Istituto di scienze marine del Consiglio nazionale delle ricerche), Infn (Istituto nazionale di fisica nucleare), Ingv (Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia), Ogs (Istituto nazionale di oceanografia e geofisica sperimentale), Conisma (Consorzio interuniversitario per le scienze del mare) e Tecnomare SpA, ha incontrato il management board dell’Ocean Networks Canada (Onc) e una folta rappresentanza di imprese canadesi attive nel campo delle tecnologie marine di avanguardia.Onc (http://www.oceannetworks.ca/), con sede presso l’Università di Victoria, gestisce gli osservatori marini cablati di Venus (http://venus.uvic.ca/) e Neptune (http://www.neptunecanada.ca/), infrastrutture di ricerca analoghe a Emso (European multidisciplinary seafloor observatory), la cui realizzazione è prevista dalla roadmap di Esfri (European strategy forum on research infrastructures) e che attualmente attraversa la fase preparatoria con un progetto europeo coordinato dall’Ingv. Onc promuove inoltre progetti e programmi di ricerca scientifica e tecnologica attraverso l’Oncee (Ocean Network Canada Center for Enterprise and Engagement) (http://www.web.uvic.ca/).Durante la missione si sono tenuti workshop informativi su progetti e programmi in corso e di comune interesse e tavole rotonde per individuare i settori scientifici e tecnologici di future collaborazioni. I primi contatti sono risultati molto promettenti e daranno luogo a ulteriori eventi per consolidare la collaborazione dei due paesi in questo settore.“Ismar-Cnr, istituto che gestisce la principale rete osservativa marina italiana per il monitoraggio ambientale su scale temporali dell’ordine dei decenni, ha illustrato l’insieme delle tecnologie utilizzate e dei progetti nazionali e internazionali in cui è impegnato”, spiega Nevio Zitellini. “Particolarmente proficuo è stato lo scambio di know-how riguardo lo sviluppo di sistemi di monitoraggio, allarme e allerta di tsunami, minaccia a cui entrambi i paesi sono potenzialmente esposti. Ismar solleciterà in ambito nazionale ed europeo l’avvio di una collaborazione scientifica e tecnologica con Onc, con i gruppi Venus e Neptune e con le industrie canadesi operanti nel settore sottomarino”.  Roma, 27 gennaio 2011 La schedaChe cosa: accordo di collaborazione nelle tecnologie marine italo-canadeseChi: Cnr-Ismar Istituto di scienze marine del Consiglio nazionale delle ricerche), Infn (Istituto nazionale di fisica nucleare

Flash News

L'ultima fase di un progetto finanziato dall'UE riguardante lo sviluppo di turbine eoliche flottanti sta per prendere il via al largo della costa della Spagna. Una piattaforma di prova verrà costruita al largo del Golfo di Biscaglia e sarà gestita da ricercatori provenienti dalla Stiftelsen for industriell og teknisk forskning (SINTEF) Energy Research in Norvegia, uno dei 19 partner che compongono il consorzio pan-europeo che porta avanti il progetto.Leggi tutto...

Cerca nel Sito

Archivio Agenziadistampa 2001-2012

Per Visitare il vecchio archivio Articoli di Agenziadistampa.eu andate alla pagina www.agenziadistampa.eu/index-archivio.html

Scienzeonline.com
Autorizzazione del Tribunale di Roma n 227/2006 del 29/05/2006 Agenzia di Stampa a periodicità quotidiana - Pubblicato a Roma - V. A. De Viti de Marco, 50 - Direttore Responsabile: Guido Donati.

Agenziadistampa.eu - tvnew.eu
Direttore Responsabile Guido Donati
Autorizzazione del Tribunale di Roma n 524/2001 del 4/12/2001 Agenzia di Stampa quotidiana - Pubblicata a Roma - V. A. De Viti de Marco, 50

Free business joomla templates