Questo sito utilizza cookie per implementare la tua navigazione e inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per saperne di più clicca leggi

Sei qui: HomeAutori Scienzeonline.comComunicati StampaUno studio fa nuova luce sulla scomparsa dell'uomo di Neanderthal

Uno studio fa nuova luce sulla scomparsa dell'uomo di Neanderthal

Valutazione attuale:  / 0
ScarsoOttimo 
Alcuni scienziati in Irlanda e Russia hanno scoperto che gli uomini di Neanderthal probabilmente morirono prima di quanto si creda comunemente. Presentato sulla rivista PNAS Online Early Edition, lo studio dà una nuova interpretazione della teoria secondo la quale per migliaia di anni esistettero legami tra gli uomini di Neanderthal e gli esseri umani moderni. Queste scoperte suggeriscono che le interazioni tra di loro furono limitate e di breve durata: probabilmente gli uomini di Neanderthal e gli esseri umani moderni co-esistettero per appena poche centinaia di anni. È anche possibile che gli uomini di Neanderthal in alcune zone si siano estinti prima che gli uomini anatomicamente moderni emigrassero dall'Africa.Gli esperti dell'University College Cork in Irlanda e dell'Università di Oxford nel Regno Unito, in collaborazione con i ricercatori del Laboratorio di preistoria di San Pietroburgo in Russia, hanno condotto il loro studio nella grotta Mezmaiskaya, che si trova nelle colline delle Montagne del Caucaso in Russia.

In questa zona, il team ha trovato un fossile di un bambino di Neanderthal nello strato del Paleolitico superiore medio e una serie di ossi di animali collegati. Secondo loro il fossile ha 39.700 anni, il che suggerisce che gli uomini di Neanderthal non sopravvissero nel sito della grotta dopo questa data.

In breve, i dati mettono in dubbio ciò che i ricercatori hanno creduto per lungo tempo sugli ultimi uomini di Neanderthal e sulla loro sopravvivenza. Gli uomini di Neanderthal non sopravvissero fino a 30.000 anni fa nel Caucaso settentrionale, è quindi molto improbabile che gli uomini di Neanderthal e gli umani siano co-esistiti per un periodo di tempo significativo.

Alla luce di questa nuova informazione, i ricercatori credono a uno di due sviluppi: gli uomini di Neanderthal si estinsero quando arrivarono gli uomini moderni; oppure altri fattori, come i cambiamenti climatici o la scarsezza di fonti di sostentamento, portarono alla loro estinzione prima dell'arrivo degli uomini moderni.

I ricercatori avvertono che i dati devono essere rivisti, corretti e migliorati se si vogliono ottenere cronologie precise. Così facendo sarà possibile fare valutazioni corrette dei possibili rapporti tra le estinzioni degli uomini di Neanderthal, la dispersione dei primi uomini moderni e gli eventi climatici.

Il team sottolinea che il processo di datazione precedente sembra avere "sottovalutato sistematicamente" la reale età di depositi, fossili e manufatti del Paleolitico superiore medio e del Paleolitico inferiore tardo, di diverse migliaia di anni.

"Ci sembra adesso molto più chiaro che gli uomini di Neanderthal e gli uomini moderni non co-esistettero nel Caucaso ed è possibile che questo scenario sia vero anche per la maggior parte delle regioni europee" dice il dott. Ron Pinhasi dell'University College Cork, autore principale dello studio. "Molte delle datazioni precedenti per l'occupazione o i siti degli uomini di Neanderthal in Europa sono problematiche. Questo deriva semplicemente dal fatto che l'associazione tra il materiale datato e gli ultimi uomini di Neanderthal non è sempre chiara perché non possiamo sempre essere sicuri che gli assemblaggi archeologici di pietra e utensile, come il musteriano, che è stato attribuito nel caso dell'Europa ai Neanderthal, non sia in alcuni casi stato prodotto in realtà dagli uomini moderni. Dobbiamo datare direttamente i fossili di uomini di Neanderthal e di uomini anatomicamente moderni per risolvere questo problema."

Da parte sua, il dott. Tom Highma di Oxford, uno dei coautori dell'articolo, dice: "Le più recenti tecniche di datazione permettono di purificare il collagene estratto da piccolissimi frammenti di fossile in modo molto efficace e senza contaminarlo. In precedenza, i team di ricerca hanno fornito datazioni più recenti, che adesso sappiamo non essere fondate, probabilmente perché il fossile era stato contaminato con particelle più moderne. Questa recente prova di datazione getta nuova luce sulle date di estinzione dei Neanderthal in questa importante regione, che è da molti considerata un crocevia per il movimento degli uomini moderni nelle più ampie pianure russe. L'estinzione dei Neanderthal qui è quindi un indicatore, crediamo, del momento in cui essa è probabilmente cominciata.
 

Flash News

Parco Regionale di Roccamonfina: nel casertano un nuovo progetto Arte e Natura

L'iniziativa nasce dalla volonta di inserire l'area protetta nel circuito internazionale dei parchi d'arte, e di promuovere la produzione artistica contemporanea, con particolare attenzione alle forme di arte pubblica e partecipata, alle poetiche della Land Art, all'interesse per i temi della natura, dell'ambiente, della cultura biologica. Con l'obbiettivo di ricostruire o evidenziare un legame tra l'opera d'arte e l'ambiente, capace di sviluppare nuove visioni e nuove riflessioni.

Leggi tutto...

Cerca nel Sito

Archivio Agenziadistampa 2001-2012

Per Visitare il vecchio archivio Articoli di Agenziadistampa.eu andate alla pagina www.agenziadistampa.eu/index-archivio.html

Scienzeonline.com
Autorizzazione del Tribunale di Roma n 227/2006 del 29/05/2006 Agenzia di Stampa a periodicità quotidiana - Pubblicato a Roma - V. A. De Viti de Marco, 50 - Direttore Responsabile: Guido Donati.

Agenziadistampa.eu - tvnew.eu
Direttore Responsabile Guido Donati
Autorizzazione del Tribunale di Roma n 524/2001 del 4/12/2001 Agenzia di Stampa quotidiana - Pubblicata a Roma - V. A. De Viti de Marco, 50

Free business joomla templates