Questo sito utilizza cookie per implementare la tua navigazione e inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per saperne di più clicca leggi

Sei qui: HomeAutori Scienzeonline.comNotizieDOPO 65 ANNI, KELLOGG COMPANY METTE FINE AGLI ESPERIMENTI LETALI SUGLI ANIMALI, RAGGIUNGENDO UN ACCORDO CON PETA STATI UNITI

DOPO 65 ANNI, KELLOGG COMPANY METTE FINE AGLI ESPERIMENTI LETALI SUGLI ANIMALI, RAGGIUNGENDO UN ACCORDO CON PETA STATI UNITI

Valutazione attuale:  / 0
ScarsoOttimo 

Una nuova politica globale proibisce l'esecuzione, il finanziamento, il sostegno e la giustificazione dei test su animali, risparmiando la vita a migliaia di ratti e criceti

 In seguito a lunghe discussioni con PETA Stati Uniti nell'arco di più di 11 anni, Kellogg Company, il leader mondiale nella produzione di cereali, ha adottato una nuova politica globale che mette fine all'uso di animali in esperimenti nocivi e mortali per i prodotti o ingredienti alimentari, quando non esplicitamente richiesto per legge – una pratica che la società ha perseguito per quasi 65 anni.

Già nel 2007 PETA Stati Uniti ha esortato Kellogg a smettere di condurre e finanziare esperimenti su animali. Negli anni seguenti, la società si è impegnata a ridurre al minimo e limitare la portata dei test sugli animali, ha richiesto l'ispezione di tutti i laboratori utilizzati per gli esperimenti e ha eliminato i test sugli animali nei propri centri di ricerca. La sua nuova politica globale, recentemente finalizzata, vieta l'esecuzione, il finanziamento, il sostegno e la giustificazione dei test su animali.

"L'industria alimentare globale sta riconoscendo che nessuna rivendicazione di marketing può giustificare l'alimentazione forzata, l'avvelenamento, il soffocamento e l'uccisione di ratti sensibili in test crudeli e mortali", afferma Shalin Gala, un vicepresidente di PETA Stati Uniti. "La Kellogg Company non è più un assassino di animali, e la PETA applaude la decisione dell'azienda di adottare metodi superiori di ricerca, senza l'uso di animali."

Dal 1995 al 2016, Kellogg ha condotto, finanziato o fornito materiali per esperimenti mortali che hanno utilizzato un totale di 1.213 ratti e 60 criceti. I suoi test sugli animali risalgono almeno al 1954, ma dopo aver raggiunto un accordo con la PETA Stati Uniti, la società ha pubblicato la sua nuova politica pubblica che proibisce test sugli animali a partire da gennaio 2019.

In uno dei test di Kellogg, gli sperimentatori hanno fatto patire la fame ai ratti per due giorni, gli hanno rimosso metà del loro intestino tenue, li hanno nutriti con acidi grassi, li hanno alimentati a forza o hanno iniettato loro medicinali, per poi ucciderli e dissezionarli. In un altro test, gli sperimentatori hanno alimentato i ratti con una dieta ricca di grassi a base di crusca di frumento, hanno somministrato ripetutamente iniezioni con un agente cancerogeno che induceva tumori del colon, li hanno soffocati e dissezionati. Nessuno di questi esperimenti per comprovare la commercializzazione dei prodotti è richiesto dalla legge.

La PETA – il cui motto recita in parte, che "gli animali non sono nostri da usare per gli sperimenti" – osserva che i test come quelli precedentemente condotti o finanziati da Kellogg, su ingredienti alimentari comuni, che non danno preoccupazioni sulla loro tossicità, possono essere condotti in modo sicuro utilizzando umani, inoltre numerosi studi di questo tipo sono già stati condotti e pubblicati.

Kellogg si unisce a una crescente lista di grandi aziende alimentari – tra cui Asahi Group Holdings, Barilla, The Coca-Cola Company, Constellation Brands, Ensuiko Sugar Refining Co, Ezaki Glico, Fuji Oil Holdings, General Mills, House Foods, ITO EN, Kewpie Corporation, Kikkoman, Kirin Holdings Co, Ltd., Lipton, McCain Foods, Meiji Holdings, Morinaga & Co, Nagase & Co, NH Foods, Nissin Foods Holdings, Ocean Spray, PepsiCo, POM Wonderful LLC, Riken Vitamin, Sapporo Holdings, Satake Corporation, Sensient Technologies Corporation, Suntory Holdings, T Hasegawa Co, Toyo Suisan Kaisha, Welch's e Yakult Honsha – che hanno collaborato con PETA Stati Uniti per adottare nuove politiche che vietano i test sugli animali.

Per ulteriori informazioni, visita  PETA.org.uk.

 

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

Flash News


Ancora un mese di tempo per visitare la mostra che celebra il grande pittore veneziano a 250 anni dalla sua morte

Prorogata fino al 23 settembre la chiusura della mostra al Museo di Roma “Canaletto 1697 - 1768”, caratterizzata da un grande successo di pubblico e grande consenso fra gli addetti ai lavori. La retrospettiva che Roma ha dedicato a Giovanni Antonio Canal (Venezia 1697 -1768) noto come Canaletto, per i 250 anni dalla sua morte, nei suoi quattro mesi di esposizione
è stata visitata da decine di migliaia di visitatori che hanno ogni giorno affollato il percorso espositivo allestito tra le sale del Museo di Roma, promosso dall’Assessorato alla Crescita culturale di Roma Capitale - Sovrintendenza Capitolina ai Beni Culturali con l’organizzazione dell’Associazione Culturale MetaMorfosi in collaborazione con Zètema Progetto Cultura.
Ideata e prodotta per celebrare il 250° anniversario della morte del grande pittore veneziano, la mostra ha presentato il più grande nucleo di opere di sua mano mai esposto in Italia, 70 tra dipinti e disegni, inclusi alcuni celebri capolavori. L’esposizione, curata da Bożena Anna Kowalczyk, racconta uno dei più noti artisti del Settecento europeo capace, grazie al suo genio pittorico, di rivoluzionare il genere della veduta ‒ ritenuto fino ad allora secondario ‒ mettendolo alla pari con la pittura di storia e di figura, anzi, innalzandolo a emblema degli ideali scientifici e artistici dell’Illuminismo. Il suo percorso artistico, raccontato dalla mostra, affascina e coinvolge. Dalla giovinezza tra Venezia e Roma come uomo di teatro e impetuoso pittore di rovine romane, al suo ritorno da Roma come stella nascente sulla scena delle vedute veneziane.

Leggi tutto...

Cerca nel Sito

Archivio Agenziadistampa 2001-2012

Per Visitare il vecchio archivio Articoli di Agenziadistampa.eu andate alla pagina www.agenziadistampa.eu/index-archivio.html

Scienzeonline.com
Autorizzazione del Tribunale di Roma n 227/2006 del 29/05/2006 Agenzia di Stampa a periodicità quotidiana - Pubblicato a Roma - V. A. De Viti de Marco, 50 - Direttore Responsabile: Guido Donati.

Agenziadistampa.eu - tvnew.eu
Direttore Responsabile Guido Donati
Autorizzazione del Tribunale di Roma n 524/2001 del 4/12/2001 Agenzia di Stampa quotidiana - Pubblicata a Roma - V. A. De Viti de Marco, 50

Free business joomla templates