Questo sito utilizza cookie per implementare la tua navigazione e inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per saperne di più clicca leggi

Sei qui: HomeAutori Scienzeonline.comAstronomiaAvvistati sulla luna di Saturno enormi depositi di idrocarburi

Avvistati sulla luna di Saturno enormi depositi di idrocarburi

Valutazione attuale:  / 0
ScarsoOttimo 

Ultime novità da Titano: Avvistati sulla luna di Saturno enormi depositi di idrocarburi liquidi

Secondo gli ultimi avvistamenti fatti dalla sonda spaziale Cassini-Huygens, Titano conterrebbe una quantità di idrocarburi centinaia di volte superiore a tutte le riserve di gas e petrolio presenti sulla Terra. I risultati dello studio, condotto da Ralph Lorenz   della Johns Hopkins University, sono stati pubblicati il 29 gennaio scorso su Geophysical Research Letters .

La scoperta, se confermata anche dalle prossime rilevazioni radar, aprirà nuove prospettive sulla storia geologica e climatica di questo satellite . La missione Cassini-Huygens aveva già da tempo scoperto su Titano la presenza di composti organici, ovvero gli elementi essenziali per la costruzione di quelle macromolecole che sono alla base della vita. Le ultime rilevazioni, però, forniscono preziose informazioni sulla natura di questi composti; i radar geospaziali, infatti, hanno scoperto centinaia di laghi di metano ed etano allo stato liquido. Secondo le prime stime, molti dei laghi e dei mari monitorati su Titano contengono ciascuno una quantità di gas equivalente a tutte le risorse di gas naturale presenti sulla Terra, ossia circa 130 miliardi di tonnellate, quanto servirebbe per soddisfare il fabbisogno energetico del nostro pianeta nei prossimi 150 anni.

La sonda spaziale finora ha monitorato il 20% della superficie del pianeta, concentrandosi soprattutto sulle regioni polari settentrionali, ma non si esclude la presenza di riserve di idrocarburo anche nel polo sud. Lungo la fascia equatoriale del pianeta sono stati individuati anche vasti depositi di idrocarburi allo stato solido, detti “Tholins”: queste scure dune equatoriali contengono una quantità di materiali organici centinaia di volte superiore a tutte le riserve di carbone della Terra.

Con una temperatura media di -179° C, Titano è la più grande luna di Saturno e il secondo satellite del sistema solare dopo Ganimede. Dista dal nostro pianeta oltre un miliardo e 200 milioni di chilometri. L’interesse degli scienziati per questo pianeta fatto di ghiaccio e roccia dipende dalla sua particolare composizione atmosferica, molto simile a quella che permise lo sviluppo della Terra: è molto densa ed è formata soprattutto da azoto, con piccole percentuali di metano e altri gas.

Da dove proviene il metano disciolto nei laghi e nei mari che punteggiano la “luna arancione” di Saturno? Gli scienziati hanno formulato varie ipotesi. Inizialmente pensavano che questo idrocarburo provenisse da un oceano, ma la prima missione Cassini-Huygens, avvenuta nel 2004, non trovò traccia di questo gigantesco oceano, rilevò solo la presenza di crateri, montagne e letti di fiumi. Queste osservazioni indussero gli scienziati a credere che il metano venisse dal sottosuolo, ma le rilevazioni successive smentirono anche questa seconda ipotesi. Secondo Ralph Lorenz, il metano potrebbe essere stato rilasciato nell’atmosfera in seguito ad eruzioni criovulcaniche. Se tutte le sorgenti liquide presenti sulla luna di Saturno sono effettivamente composte da metano si possono fare delle previsioni sulla sua durata: nel giro di alcuni milioni di anni il gas potrebbe esaurirsi completamente perché verrebbe rilasciato prima nell’atmosfera e da lì si dissolverebbe nello spazio. Se il metano si esaurisse, la temperatura del pianeta diminuirebbe drasticamente.

1. Ralph Lorenz, Jacqueline Mitton, “Lifting Titan's Veil”, Cambridge May 2002

2. “Microwave dielectric constant of liquid hydrocarbons: Application to the depth estimation of Titan's lakes, in GEOPHYSICAL RESEARCH LETTERS, VOL. 35, L05202, doi:10.1029/2007GL032515, 2008

3. per approfondimenti si veda l’articolo “Vedere, toccare e annusare lo straordinario mondo di Titano, così simile alla Terra”, sul sito italiano dell’Agenzia Spaziale Europea

Veronica Rocco

Flash News

Iniziativa FAO per incrementare la produzione dei piccoli agricoltori
Aiuti agli agricoltori dei paesi più poveri al mondo

La FAO ha avviato attività d’emergenza per 17 milioni di dollari per arginare gli effetti del rialzo dei prezzi alimentari che rischiano di aggravare pesantemente la situazione degli 862 milioni di persone che soffrono la fame e di spingerne milioni verso la povertà estrema e la fame.
Leggi tutto...

Cerca nel Sito

Archivio Agenziadistampa 2001-2012

Per Visitare il vecchio archivio Articoli di Agenziadistampa.eu andate alla pagina www.agenziadistampa.eu/index-archivio.html

Scienzeonline.com
Autorizzazione del Tribunale di Roma n 227/2006 del 29/05/2006 Agenzia di Stampa a periodicità quotidiana - Pubblicato a Roma - V. A. De Viti de Marco, 50 - Direttore Responsabile: Guido Donati.

Agenziadistampa.eu - tvnew.eu
Direttore Responsabile Guido Donati
Autorizzazione del Tribunale di Roma n 524/2001 del 4/12/2001 Agenzia di Stampa quotidiana - Pubblicata a Roma - V. A. De Viti de Marco, 50

Free business joomla templates