Questo sito utilizza cookie per implementare la tua navigazione e inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per saperne di più clicca leggi

Sei qui: HomeAutori Agenziadistampa.euCinemaHotel Lux. “Questa o quella per me pari sono” (Rigoletto)

Hotel Lux. “Questa o quella per me pari sono” (Rigoletto)

Valutazione attuale:  / 0
ScarsoOttimo 

Il tedesco Leander Haussmann, con Hotel Lux, in concorso alla sesta edizione del festival cinematografico romano, ci offre un singolare spaccato di Mosca e Berlino degli anni ’30, attraverso le vicende immaginarie e non di due attori di cabaret, Hans Zeisig-Michael Bully Herbig e Siggy Mayer-Juger Vogel. Entrambi sognano Hollywood, ma in realtà, secondo le parole del regista, il film “racconta la vicenda di un uomo che al momento sbagliato si trova nel posto sbagliato". Costretto a fuggire, infatti, Zeisig ripara a Mosca, rifugiandosi in un albergo che è anche un asilo politico. Il Lux è realmente esistito: era un albergo convertito, a metà degli anni Trenta, in alloggio del Comintern e degli antifascisti mondiali. Lì hanno preso alloggio, tra gli altri, futuri capi di stato. Da riparo quale avrebbe dovuto essere, inoltre, l'Hotel Lux in un attimo poteva trasformarsi in una trappola, perché anche i comunisti non scherzavano affatto se venivi sospettato di tramare contro Stalin.

 

“È il singolo che mi interessa.” – sostiene Haussmann – “Raccontare l'individuo dentro i grandi avvenimenti storici. L'individuo non si interessa della politica e della società fino a quando queste non gli impediscono di essere felice. Il film può essere letto come una metafora di ogni tempo. Dopotutto le dittature esistono ancora".

E la bella Frida-Thekla Reuten rincara la dose, affermando: “Del comunismo, di Stalin e delle violenze da lui perpetrate si parla ancora troppo poco. In un momento in cui i russi coltivano nostalgie per quel tremendo passato, era un dovere morale ricordare cosa accadeva a Mosca in quegli anni". il tono del film è scanzonato e il regista tedesco sa muoversi tra l’onda degli equivoci che i due cabarettisti cavalcano, senza forzare la mano né sul fronte della commedia né su quello del dramma, sia pur ripercorrendo, in modo dichiarato apertamente, la strada di uno dei più grandi maestri della commedia: Lubitsch. Il film gioca con la Storia ma non osa cambiare il suo racconto, lasciando lo spettatore in una trasognata leggera immaginazione che Stalin e Hitler, se fossero stati solo dei cabarettisti, sarebbero stati molto più innocui e, con talento, avrebbero conquistato meritatamente Hollywood, proprio come i protagonisti della pellicola lasciano immaginare. Meritato il premio alla colonna sonora che il Maestro Morricone, quest’anno presidente di giuria, ha voluto assegnare al film.

 

Margherita Lamesta

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

Flash News


Il governo russo ha istituito con decreto il Parco nazionale delle scogliere del Lago Ladoga, uno dei più grandi parchi d'Europa, 122 mila ettari di isole rocciose ricoperte da foreste.
Questo complesso naturale unico, che si trova nella Repubblica di Carelia, ospita numerosi esemplari di aquila e foca del Ladoga. Pur essendo una sottospecie della foca dagli anelli, questo animale vive in acqua dolce ed è diffuso unicamente nelle acque del lago Ladoga. È stato incluso nella Lista Rossa delle specie minacciate d'estinzione stilata dalla UICN.

L'istituzione del parco è il risultato di una battaglia iniziata 27 anni fa, che ha visto anche la partecipazione di Greenpeace Russia, che ha promosso l'inserimento di aree di pregio nei confini del parco, condotto un lavoro di ricerca sulle specie in pericolo, combattuto gli incendi e i tagli illegali. Dal 2008 l'associazione ambientalista organizza ogni anno campi di vigilanza antincendio insieme ad altri gruppi, che hanno portato a estinguere ben 80 incendi forestali sviluppatisi sulle isole durante la stagione turistica.

Nel 2016 diverse compagnie, inclusa l'azienda petrolifera Rosneft, hanno fatto lobby per escludere dal parco aree su cui vi erano piani di sfruttamento, ma l'opposizione di 40 mila persone, 40 scienziati e 19 organizzazioni ha fatto sì che i confini proposti rimanessero inalterati.

Nei prossimi due-tre anni verranno sviluppati i sentieri nel parco e i servizi per renderlo godibile da un numero sempre maggiore di ecoturisti.

Cerca nel Sito

Archivio Agenziadistampa 2001-2012

Per Visitare il vecchio archivio Articoli di Agenziadistampa.eu andate alla pagina www.agenziadistampa.eu/index-archivio.html

Scienzeonline.com
Autorizzazione del Tribunale di Roma n 227/2006 del 29/05/2006 Agenzia di Stampa a periodicità quotidiana - Pubblicato a Roma - V. A. De Viti de Marco, 50 - Direttore Responsabile: Guido Donati.

Agenziadistampa.eu - tvnew.eu
Direttore Responsabile Guido Donati
Autorizzazione del Tribunale di Roma n 524/2001 del 4/12/2001 Agenzia di Stampa quotidiana - Pubblicata a Roma - V. A. De Viti de Marco, 50

Free business joomla templates