Questo sito utilizza cookie per implementare la tua navigazione e inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per saperne di più clicca leggi

Sei qui: HomeAutori Scienzeonline.comComunicati StampaWWF: “A FUKUSHIMA COME A CERNOBYL LE GRAVI CONSEGUENZE DEL NUCLEARE”

WWF: “A FUKUSHIMA COME A CERNOBYL LE GRAVI CONSEGUENZE DEL NUCLEARE”

Valutazione attuale:  / 0
ScarsoOttimo 
Midulla: “Per ripristinare gli incentivi alle rinnovabili condividiamo manifestazione del 20 aprile" L’esperto Sergio Ulgiati:  Il nucleare ormai una scelta fallimentare come dimostra l’annuncio di nuovi fondi per la messa in sicurezza di Cernobyl a distanza di 25 anni”  Il WWF sostiene le manifestazioni del prossimo 20 aprile in favore delle fonti di energia alternativa che si terranno a Roma in occasione dello sciopero nazionale dei lavoratori dell’intero comparto fotovoltaico e del sit in di protesta annunciato da Sos Rinnovabili. “Condividiamo le ragioni della protesta perché crediamo che sia fondamentale ripristinare gli incentivi alle fonti rinnovabili che sono il modello sui cui puntare per garantire una politica energetica sicura e pulita – afferma Mariagrazia Midulla, responsabile del programma Energia e Clima del WWF -. Una scelta resa ancora più necessaria dalla notizia che l’Unione Europea, a distanza di 25 anni del disastro di Chernobyl, si appresta a stanziare altri 110 milioni di euro per la sicurezza del sito. Questo dimostra che il nucleare è una scelta fallimentare non solo da un punto di vista ambientale ma anche da un punto di vista economico”.
Sulla vicenda di Chernobyl l’esperto Sergio Ulgiati, professore di Chimica dell’Università Parthenope di Napoli e membro del Comitato scientifico del WWF, ribadisce le difficoltà della messa in sicurezza dell’impianto. “Il reattore di Chernobyl ha sempre emesso radiazioni attraverso le crepe del sarcofago usato per ricoprirlo. Ci sono voluti 2 anni per costruirlo – spiega Ulgiati -. Poi  è stato degradato dal calore prodotto dal decadimento di radiazioni avvenute al suo interno in questi 25 anni e ora bisognerà ricoprirlo con un nuovo sarcofago. Gli stessi tempi sono prevedibili per quello da utilizzare per l’impianto di Fukushima: anche se i tecnici della Tepco hanno dichiarato che ci vorranno 9 mesi per costruire la rivestitura per il reattore giapponese, è invece possibile immaginare che, come per la centrale di Chernobyl, ci vorrà un periodo di 1 o 2 anni, in seguito al quale il sarcofago sarà soggetto allo stesso processo di degradazione subito da quello usato per il reattore di Chernobyl con la conseguente necessità di nuove azioni per la messa in sicurezza, anche a distanza di anni’’.


Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

Flash News


"Ha avuto luogo oggi a Bruxelles la riunione del Comitato PAFF, nella Sezione che si occupa della sicurezza tossicologica nella catena alimentare. La riunione era stata convocata per discutere di aspetti tecnici correlati alla crisi interessante gran parte dell'Unione Europea, conseguente alla contaminazione da fipronil in allevamenti destinati alla produzione di uova.
Sono state assunte decisioni miranti a garantire una maggiore omogeneità nell'approccio al problema e nelle iniziative assunte dagli Stati Membri.

Leggi tutto...

Cerca nel Sito

Archivio Agenziadistampa 2001-2012

Per Visitare il vecchio archivio Articoli di Agenziadistampa.eu andate alla pagina www.agenziadistampa.eu/index-archivio.html

Scienzeonline.com
Autorizzazione del Tribunale di Roma n 227/2006 del 29/05/2006 Agenzia di Stampa a periodicità quotidiana - Pubblicato a Roma - V. A. De Viti de Marco, 50 - Direttore Responsabile: Guido Donati.

Agenziadistampa.eu - tvnew.eu
Direttore Responsabile Guido Donati
Autorizzazione del Tribunale di Roma n 524/2001 del 4/12/2001 Agenzia di Stampa quotidiana - Pubblicata a Roma - V. A. De Viti de Marco, 50

Free business joomla templates