Questo sito utilizza cookie per implementare la tua navigazione e inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per saperne di più clicca leggi

Sei qui: HomeNotizieCrisi ambientale e guerra in Ucraina: la “tempesta perfetta” per grano, filiera del frumento e pasta

Crisi ambientale e guerra in Ucraina: la “tempesta perfetta” per grano, filiera del frumento e pasta


Resistenza alla siccità, maggiore efficienza nell’uso dei concimi azotati, ma anche tecniche avanzate per dare vita a nuove varietà di frumento: a Bologna, un appuntamento internazionale per trovare soluzioni ai pericoli che incombono sulla produzione primaria del grano duro, tra sostenibilità, qualità e prezzi accessibili.


I crescenti e devastanti effetti della crisi ambientale insieme alle conseguenze della guerra in Ucraina stanno dando vita a una "tempesta perfetta" che rischia di investire la produzione di grano e tutta la filiera del frumento duro. Fino a coinvolgere la produzione della pasta, vessillo del Made in Italy agroalimentare, dichiarata dall'Unesco patrimonio culturale immateriale dell'umanità, di cui proprio il 25 ottobre si celebra la giornata mondiale.

Dei pericoli che corre questa filiera strategica e delle possibili soluzioni per scongiurarli, o per lo meno mitigarli, si parlerà dal 26 al 29 ottobre a Bologna in occasione di “From Seed to Pasta IV”: appuntamento internazionale promosso dall’Università di Bologna e ospitato nella sede della Regione Emilia-Romagna.


Resistenza alla siccità ed efficienza nell’uso dei concimi azotati (di cui l’Ucraina è il maggiore produttore europeo) sono i fattori chiave su cui la ricerca scientifica si sta concentrando per cercare di mitigare le conseguenze di questa "tempesta perfetta" che incombe sulla produzione primaria del grano duro e del suo impatto ambientale. L'obiettivo è ambizioso: aumentare la produttività del frumento duro e al tempo stesso la sua sostenibilità, mantenendo alta la qualità della pasta, a prezzi accessibili.

"Servono innovazioni agronomiche e di selezione varietale che, caso per caso, consentano un uso più efficiente delle risorse idriche e dei fertilizzanti in funzione delle varietà disponibili e delle prevalenti condizioni ambientali e fitopatologiche dove l’agricoltore opera", spiega Roberto Tuberosa, professore al Dipartimento di Scienze e Tecnologie Agro-Alimentari dell'Università di Bologna, principale organizzatore della conferenza internazionale. "Si tratta di problematiche quanto mai attuali anche per la produzione di frumento biologico: un settore in espansione per le tematiche legate agli effetti negativi derivanti dall’inquinamento delle acque di superficie causati da un eccessivo uso dei fertilizzanti azotati di cui solo il 30% viene assorbito dalla pianta".

E si parlerà anche di salute, con una tavola rotonda, venerdì 28 ottobre, nell'ambito del progetto europeo Plan’Eat, a cui partecipa l'Università di Bologna. Il progetto si occupa dell’intera filiera del frumento duro, inclusi gli aspetti clinici che riguardano la salute del consumatore, curati da Uberto Pagotto coordinatore per Unibo, professore ordinario al Dipartimento di Scienze Mediche e Chirurgiche. Le questioni legate alla parte tecnica per produrre pasta più salubre verranno invece presentate dalla professoressa Maria Caboni del Dipartimento di Scienze e Tecnologie Agro-Alimentari dell'Università di Bologna che modererà la tavola rotonda.


Un’attenzione particolare, infine, verrà dedicata alle Tecniche di Evoluzione Assistita (TEA), tra cui l'editing genetico, per la creazione di nuove varietà di frumento utilizzate per produrre la pasta: un aspetto oggi dibattuto sia a livello di Unione Europea che tra i singoli paesi membri, inclusa l’Italia.

Random Image

800px_wobbegong.jpg

Site Map

Flash News


Dal 20 ottobre 2018 al 3 marzo 2019 l’esposizione che racchiude le foto più note e la presentazione di tre reportage della fotografa

Una mostra antologica racconta l’intensa vita professionale della fotografa genovese Lisetta Carmi, donna dalla grande
personalità espressiva e dalla straordinaria vicenda umana. Si tratta della prima esposizione pubblica a Roma dedicata all’artista ultranovantenne che, con i suoi scatti, ha anticipato i tempi e realizzato con autonomia interpretativa un percorso artistico caratterizzato dall’uso innovativo del medium fotografico. Lisetta Carmi. La bellezza della verità promossa da Roma Capitale, Assessorato alla Crescita culturale - Sovrintendenza Capitolina ai Beni Culturali, a cura di Giovanni Battista Martini con l’organizzazione di Zètema Progetto Cultura, è visibile al Museo di Roma in Trastevere dal 20 ottobre 2018 al 3 marzo 2019. Per i possessori della nuova MIC Card – che al costo di soli 5 euro consente a residenti e studenti l’ingresso illimitato per 12 mesi nei Musei Civici – l’ingresso alla mostra è gratuito.


Circa 170 immagini tra le quali numerose inedite, gli originali di alcuni libri d’artista da lei stessa realizzati tra gli anni Sessanta e Settanta dello scorso secolo, le sue amate macchine fotografiche originali (Leica e Nikon) ripercorrono in un esaustivo percorso espositivo i circa venti anni durante i quali la Carmi si è completamente dedicata alla fotografia con sguardo sincero. Dai bambini nei campi profughi palestinesi ai camalli del porto di Genova, il suo sguardo curioso e lucido rimane punto imprescindibile per la conoscenza profonda di luoghi e persone. Oltre ai lavori più noti, esposti a testimonianza di un percorso fotografico caratterizzato sempre da un’attenta osservazione della realtà, mai occasionale, all’interno della mostra sono presenti anche tre nuclei di lavori concepiti come progetti di pubblicazione su tre temi molto diversi fra loro: il primo, Metropolitain del 1965, è stato realizzato dall’artista in unica copia che è presentata al pubblico
per la prima volta. Si tratta di un libro d’artista in cui le immagini della metropolitana parigina sono accompagnate dal testo Instantanés di Alain Robbe-Grillet.

Leggi tutto...

Cerca nel Sito

Archivio Agenziadistampa 2001-2012

Per Visitare il vecchio archivio Articoli di Agenziadistampa.eu andate alla pagina www.agenziadistampa.eu/index-archivio.html

Scienzeonline.com
Autorizzazione del Tribunale di Roma n 227/2006 del 29/05/2006 Agenzia di Stampa a periodicità quotidiana - Pubblicato a Roma - V. A. De Viti de Marco, 50 - Direttore Responsabile: Guido Donati.

Agenziadistampa.eu - tvnew.eu
Direttore Responsabile Guido Donati
Autorizzazione del Tribunale di Roma n 524/2001 del 4/12/2001 Agenzia di Stampa quotidiana - Pubblicata a Roma - V. A. De Viti de Marco, 50

Free business joomla templates